Home » Cani »

L’Alano: le varietà e come curarlo

Un cane Alano
Un cane Alano


L’alano appartiene alla famiglia dei molossoidi, di cui condivide il muso e la struttura ossea, ma si distingue a questi per la sua altezza e per la forma non tozza.

L’alano è di origini tedesche, nonostante alcuni lo chiamino Gran Danese, e nasce come cane da caccia, le cui prede erano prevalentemente cinghiali e cervi; è stato anche cane da guerra, utilizzato nei combattimenti e come difensore del padrone e della proprietà.

Alano variante arlecchino
Alano variante arlecchino

Questa razza è tra le più alte del mondo: può arrivare addirittura all’altezza record di 107 cm al garrese! Generalmente l’altezza parte da 80 cm per i maschi e i 72 cm per le femmine, mentre il peso è rispettivamente 80 e 50 chili in media.

Esistono quattro varietà di colori distinti:

  • fulvo, mantello giallo grigiastro o bluastro;
  • tigrato, fondo del mantello blu argento o isabella e tigrature slavate;
  • arlecchino, fondo del mantello punteggiato di grigio con macchie giallastre o grigio-blu;
  • nero, con riflessi gialli o bluastri;
  • blu, mantello con riflessi gialli o neri.

Nello standard sono ammessi solamente alcuni accoppiamenti tra individui di colori diversi.

Vista la sua mole necessita di un buon addestramento fin da piccolo.

È un cane tranquillo, equilibrato, che soffre la solitudine. Nonostante si adatti al focolare domestico e ai bambini, non è consigliabile, data la sua grandezza, tenerlo in un appartamento piccolo: ha bisogno di grandi spazi per poter correre, giocare e mantenersi in forma.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)